CCNL Pulizie e Multiservizi: CGIL-CISL-UIL firmano un pessimo accordo

Nazionale -

RINNOVO CONTRATTO MULTISERVIZI E PULIZIE

 

UN REGALO DI NATALE PER LE IMPRESE E COOP DEL SETTORE

 

CGIL-CISL-UIL DOPO 30 MESI DI RITARDO

FIRMANO CON LA BENEDIZIONE DEL GOVERNO UN ACCORDO

CON RIDICOLI AUMENTI E MASSIMA FLESSIBILITA’ E PRECARIETA’

 

Mercoledì 19 dicembre, presso il Ministero del Lavoro, è stato firmato con la partecipazione dello stesso Ministro Damiano il CCNL dei lavoratori del settore delle pulizie e servizi integrati – multiservizi (contratto che riguarda 500.000 lavoratori e che era scaduto da oltre 30 mesi).

 

Si tratta di un rinnovo contrattuale che peggiora importanti elementi normativi (precarietà e flessibilità), non comprende il recupero degli arretrati del periodo trascorso senza contratto e prevede insufficienti aumenti salariali (115 euro lordi a giugno 2009).

 

Campo di applicazione del CCNL e classificazione del personale: il contratto multiservizi e pulizie diventa il contratto principe dei servizi esternalizzati e in appalto dei servizi delle pubbliche amministrazioni (dalle scuole, biblioteche, mense, musei, manutenzione, parcheggi, scuola, ospedali, ecc…e per una varietà di mansioni e professionalità ampissima), si tratta di un megacontratto fatto ad uso e consumo per la gestione dei lavoratori utilizzati in appalti che nascondono spesso l’intermediazione di manodopera

Contratti di apprendistato: sono previsti dai 24 ai 48 mesi (prima era da 18 a 36 mesi) di retribuzione ai livelli inferiori, è ammissibile che un lavoratore abbia bisogno di “apprendere” per 2 anni con precarietà pagata a un livello inferiore (1°Liv.) per diventare un operaio comune di 2 Livello?

Contratti a part-time: siamo oltre le clausole elastiche con, ad esempio, l’orario minimo giornaliero che può essere di 2 ore al giorno, con turno spezzato e senza il riconoscimento del percorso tra i due posti di lavoro.

Contratti a tempo determinato, lavoro in affitto, contratti di inserimento fino al 30% dell’organico con deroga per i nuovi servizi e per le sostituzioni

Orario di lavoro: deroga sul riposo giornaliero di 11 ore per i lavoratori con turno spezzato (garantite solo 8 ore consecutive), deroghe anche sul riposo settimanale.

Rifinanziamento dell’Organismo paritetico nazionale di settore (imprese-sindacati) con una quota di 0.50 euro versata da ogni lavoratore per 12 mesi all’anno, una trattenuta che contestiamo per la finalità e perché fatta senza l’informazione e il consenso dei lavoratori.

Scatti di anzianità: riconfermato il congelamento degli scatti biennali, unica quota fissa dal 4° anno

 

TRATTAMENTO ECONOMICO – aumenti lordi sul 2 livello

Decorrenze Minimi EDAR totale

01.01.2008 35 10 45

01.01.2009 30 5 35

01.06.2009 30 5 35

 

L’EDAR (elemento distinto della retribuzione) sostituisce il “recupero arretrati” degli anni passati senza contratto.

 

E’ questo il risultato del tavolo di trattativa tra CGIL-CISL-UIL, le imprese, e il Governo: un altro pessimo contratto che regala diritti alle imprese in cambio di piccoli recuperi sui salari erosi dall’inflazione.

 

Roma 20 dicembre 2007

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni