Sportelli dedicati di riferimento

VITERBO

via I.Garbini 51

tutti i giorni, 9.30/13.00

referente: Luca Paolocci

 

FIRENZE

lunedi, 9.00/12.00

previo appuntamento al 3714588752

 

ROMA

previo appuntamento al

3395003297, f.pulice@usb.it

referente Francesca Pulice

 

Tutte le nostre sedi

https://www.usb.it/dove-siamo.html

SEGUICI SU:

Coop: nel Lazio minaccia esuberi nei suoi punti vendita ma acquista altri 52 Supermercati

Roma -

CONTO SALATO PER I LAVORATORI

 

La recente operazione di acquisto da parte della Coop di 52 supermercati a Roma e nel Lazio a marchio Despar e InGrande, rilevati dal gruppo Faranda, secondo l’USB Lavoro Privato stride non poco con i 75 esuberi paventati dall’azienda nei punti vendita dell’Ipercoop Casilino di Roma e Aprilia 2, in provincia di Latina.

 

Esuberi rientrati dopo lo sciopero indetto dall’USB, che lo scorso 28 marzo ha visto un’altissima partecipazione dei lavoratori, scesi in piazza a Roma contro il piano dei licenziamenti.

 

Ma di fronte a quella che potrebbe apparire come un politica incongrua, da parte Coop si accompagna un progressivo abbassamento dei diritti, delle tutele e del salario dei lavoratori coinvolti nell’operazione.

 

Infatti nei 52 supermercati, che cambieranno definitivamente insegne solo al termine di quest’anno, si applica da subito il contratto del Commercio e non quello della Distribuzione Cooperativa, con notevole un risparmio per la Coop stessa.

 

Al contempo, per l’Ipercoop Casilino, Aprilia 2 ed Euroma 2, Cgil Cisl Uil hanno sottoscritto un pessimo accordo, che implica deroghe pesantissime ai contratti e mette a rischio l’occupazione per i dipendenti della cooperativa Futura Servizi, la quale fornisce in subappalto il servizio di e-commerce “La spesa che non pesa”.

 

C’è dunque poco da stupirsi se l’attuale ministro del Lavoro Poletti, ex presidente di Legacoop Nazionale, sia fra i più strenui difensori dell’ampliamento a dismisura della precarietà, e del relativo abbassamento di tutele, decretato dal governo Renzi: nel nuovo esecutivo viene esportato un modello di dumping sociale “a marchio coop”, che l’USB continuerà a contrastare dentro e fuori i luoghi di lavoro.

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati