Sportelli dedicati di riferimento

VITERBO

via I.Garbini 51

tutti i giorni, 9.30/13.00

referente: Luca Paolocci

 

FIRENZE

lunedi, 9.00/12.00

previo appuntamento al 3714588752

 

ROMA

previo appuntamento al

3395003297, f.pulice@usb.it

referente Francesca Pulice

 

Tutte le nostre sedi

https://www.usb.it/dove-siamo.html

SEGUICI SU:
Argomento:

EURO MAYDAY PARADE 2008

I° Maggio a Milano

ore 14.00 - p.zza XXIV Maggio - Porta Ticinese

 

Nazionale -

Le storie di molti parlano di tutti:  è una May Day che rompe i confini!

La MayDay di Milano rilancia e travolge il futuro: è un'occasione da non perdere!

 

Operaie e operai nelle fabbriche, lavoratrici e lavoratori nei call center, negli aeroporti, nelle cooperative, nella  distribuzione, nei cantieri, negli uffici e negli istituti di ricerca, tutti sanno cos'è la precarizzazione del lavoro e della vita.

 

Non è un mito. Non è un problema  sociale tra gli altri.  Non è la  perversa proliferazione di contratti atipici. Non è la scomoda anticamera di giovani generazioni. È il  modo contemporaneo di produrre la ricchezza, di sfruttare il lavoro, di costruire le gerarchie. È il luogo della crisi della rappresentanza politica e sindacale del lavoro a cui non possiamo rispondere guardandoci indietro.

 

La May Day ha costruito negli ultimi anni, in Italia e in  Europa, uno spazio di visibilità e comunicazione e quest'anno, Milano, rilancia a partire dal protagonismo dei migranti.

 

Il lavoro migrante rivela i segreti della precarizzazione. Il controllo dei confini produce gerarchie spesso razziste tra regolari e  irregolari, tra buoni e cattivi, criminalizzati dalle retoriche della guerra e della sicurezza che servono solo a non parlare di coloro che di lavoro muoiono, senza nessuna  sicurezza. La specificità dei migranti è vivere una doppia precarietà. Dentro e fuori i luoghi di lavoro  il legame tra permesso di soggiorno e contratto di lavoro li ricatta, i Cpt e le espulsioni li minacciano costantemente.

La loro condizione riguarda però tutto il lavoro, è una leva fondamentale della precarizzazione perché alimenta la frammentazione, perché riduce gli spazi di libertà e le possibilità di lotta. Ma in questi anni il  protagonismo dei migranti ha prodotto esperienze significative di lotta  autonoma in nome della libertà di movimento. Il primo maggio, a Milano, vogliamo condividere questa forza, amplificarla, congiungerla con quella degli altri precari. Il processo della May Day, a Milano, rilancia, attraversa i confini del primo maggio per diventare una long long May Day, una ancha May Day,una lunga May Day. 

 

Per questo, da Milano, che già si prepara festante all'orgia bipartisan e nazionale di  sfruttamento del  lavoro migrante e precario cui assisteremo con l'Expo del 2015, rilanciamo ancora: se questa è una vetrina, che lo sia delle lotte e della  nostra capacità di anticipazione. Le forze che saranno in campo il primo maggio si incontreranno di nuovo per discutere della precarizzazione e dei suoi miti.  E per pensare a nuove parole d'ordine intorno alle questioni del salario, del reddito e del welfare.

 

Questa è un'occasione da non perdere.

MayDay, MayDay

 

CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE CUB

 

EURO MAYDAY PARADE 008

LA PIU’ GRANDE MANIFESTAZIONE PER UN 1° MAGGIO DI LOTTA.

CONQUISTARE DIRITTI NEL LAVORO E OLTRE IL LAVORO

PER MIGRANTI E PRECARI

 

 

Oltre 100.000 persone a Milano hanno sfilato con la Confederazione Unitaria di Base e Chainworkers. Altissima la partecipazione dei migranti; carri, risciò, biciclette, musica e teatro di strada. Spettacoli fino a tarda notte.

 

E’ stata una grande giornata di lotta ed anche un grande successo politico. La Mayday Parade si conferma la più importante iniziativa del 1° Maggio  unica nel rendere visibile la precarizzazione del lavoro e della vita e unica nella capacità di proporre sempre nuovi temi ed aggregare nuovi soggetti.

 

La novità di quest’anno è stato il vasto mondo del migrariato; in tanti hanno reso visibili le loro disavventure, le paure, le minacce, lo sfruttamento.

 

Ora dobbiamo continuare con l’azione di contrasto alla precarietà che include la proposta per l’integrazione al reddito e soprattutto garantire a tutti pari diritti e pari tutele.

 

La CUB, Confederazione Unitaria di Base, insieme a Chainworkers, ideatori fin dall’edizione del 2001 della Mayday Parade, ha chiamato a raccolta  tutti i precari, studenti, migranti e lavoratori non precari per l’ottava edizione della MaydayParade.

 

Per l’EuroMaydayParade 008, davvero internazionale, a Milano hanno sfilato oltre 100.000 persone contro la precarietà lavorativa e sociale, per rivendicare e conquistare diritti nel lavoro e oltre il lavoro. Collegamenti con le piazze americane.

 

La manifestazione si arricchisce ogni anno di presenze, di nuove identità e di conseguenza anche di partecipazione. Il corteo con carri tematici, risciò, biciclette, mini-bar semoventi, soundsystem teatranti di strada ha creato nel pomeriggio un serpentone lunghissimo e compatto.

Ciò è la prova eloquente che noi abbiamo ridato senso al 1° maggio che è e deve restare un giorno di lotta: ci siamo radunati per batterci non solo contro la precarietà ma anche contro la progressiva perdita generalizzata dei diritti  del mondo del lavoro e per riproporre la questione sociale da tutti rimossa.

 

Durante il lungo corteo-serpentone partito alle 15,00 da piazza XXIV Maggio il clima era quello di una festa in cui si ribadisce con forza la volontà di non rinunciare ai propri diritti.

 

Milano 2/5/2008

CUB-CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE

 

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati