Sportelli dedicati di riferimento

VITERBO

via I.Garbini 51

tutti i giorni, 9.30/13.00

referente: Luca Paolocci

 

FIRENZE

lunedi, 9.00/12.00

previo appuntamento al 3714588752

 

ROMA

previo appuntamento al

3395003297, f.pulice@usb.it

referente Francesca Pulice

 

Tutte le nostre sedi

https://www.usb.it/dove-siamo.html

SEGUICI SU:

Sfruttamento EsSelunga

La nota catena commerciale fornisce ai propri dipendenti mascherine monouso non a marchio CE

Nazionale -

Fin dallo scoppio dell’emergenza sanitaria, Usb denuncia i comportamenti illegittimi che Esselunga mette in atto mettendo a rischio lavoratori e consumatori. Nonostante l’alta esposizione al rischio di contagio da Coronavirus dei dipendenti, l’azienda ha iniziato ad adottare alcune delle misure di prevenzione solo dopo due mesi dall’inizio dell’epidemia. La sanificazione non è stata fatta secondo i metodi e i tempi previsti dalla normativa, limitandosi per lo più ad una pulizia ordinaria, completamente inutile in caso di rischio biologico come attuale. Le azioni di protesta e sciopero messe in atto dai lavoratori hanno costretto l’azienda a fornire per lo meno le mascherine protettive di stoffa e lavabili per poter essere riutilizzate fino a 20 giorni.

 

Esselunga però ha pensato bene che aver incassato il 20% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno non era ancora sufficiente, ha così ritirato le mascherine in stoffa, fornendo ai lavoratori mascherine monouso, senza marcatura CE, da usare fino a data da destinarsi, con il logo dell’azienda però.

 

La famosa S del marchio dovrebbe proteggere i dipendenti da un virus altamente contagioso che si diffonde per via aerea, mentre sono sottoposti a carichi di lavoro sempre maggiori per far fronte alle aumentate richieste della clientela.

Una S sinonimo solo di Sfruttamento.

 

A dimostrazione, il Responsabile per la sicurezza aziendale ha ignorato le proteste dei lavoratori, ma si guarda bene dall’indossare le mascherine con logo, preferendone una ffp2, che lo protegge per il 92% dal rischio contagio.

Aumentano i fatturati, aumentano i ritmi di lavoro, aumentano i rischi,

l’unica cosa che rimane invariata sono gli stipendi.

 

Esselunga deve reinvestire i profitti in termini di salute e sicurezza e riduzione d’orario senza toccare i già miseri salari.

 

Usb, al fianco dei lavoratori, continua la battaglia per i diritti preparando le prossime azioni di lotta senza un intervento immediato dell’azienda.

 

Usb Commercio

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati