Sportelli dedicati di riferimento

VITERBO

via I.Garbini 51

tutti i giorni, 9.30/13.00

referente: Luca Paolocci

 

FIRENZE

lunedi, 9.00/12.00

previo appuntamento al 3714588752

 

ROMA

previo appuntamento al

3395003297, f.pulice@usb.it

referente Francesca Pulice

 

Tutte le nostre sedi

https://www.usb.it/dove-siamo.html

SEGUICI SU:

Unicoop scarica sui lavoratori i costi del Coronavirus

L’azienda impone la disdetta dell’integrativo cercando di far pagare ai lavoratori i costi di una crisi economica senza precedenti

Nazionale -

Unicoop Tirreno con un’azione unilaterale, ha comunicato ai dipendenti la disdetta dell’integrativo a fine settembre.

La motivazione?

Non aver ceduto alle pretese aziendali di abbassare il costo del lavoro, tagliando occupazione e salari.

Usb in questi mesi di trattativa ha presentato all’azienda proposte concrete a supporto del piano industriale che non gravassero ulteriormente sui dipendenti.

Fin dalla ripresa della discussione dopo la fase acuta dei contagi da Coronavirus, abbiamo sempre dichiarato l’impossibilità di trattare temi fondamentali per la vita dei lavoratori come orario, salario e salute appena usciti dall’emergenza sanitaria, in un periodo di crisi economica di cui non si vede il termine.

Unicoop non solo non ha mai recepito nessuna delle proposte avanzate, ma oggi, di fatto, ha gettato ufficialmente la bandiera dei valori sociali ed etici, che dovrebbero essere a fondamento della cooperativa.

 

Ha deciso di colpire i lavoratori, scaricando su di loro i costi del Coronavirus e di croniche incapacità gestionali.

 

Non accettiamo le minacce di Unicoop e non cadiamo nel suo tranello di voler abbattere le tutele con la scusa di estenderle.

Tutti i lavoratori devono godere di pari diritti,  non permetteremo la creazione di un esercito di precari, ricattati con la produttività per il raggiungimento di un stipendio degno.

Se Unicoop vuole davvero mettere in atto un principio etico deve redistribuire il profitto accumulato, diminuendo l’orario a parità di salario. Questo è l'unico modo per consentire ai dipendenti di tornare a respirare dopo i mesi convulsi appena trascorsi.


Usb dichiara lo stato di agitazione, pronta a tutte le azioni necessarie se Unicoop non ritorna sui suoi passi, ascoltando le legittime esigenze dei lavoratori.

Usb Commercio

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati