Coop: le lavoratrici prendono parola e ci mettono la faccia

Roma -

USB Commercio si stringe intorno a Catia. L’articolo ed il video del Corriere della Sera non crediamo abbiano bisogno di commenti ulteriori, noi continueremo a sostenere Catia nel suo percorso legale con l’ammirazione per la dignità di donna e di lavoratrice che ha dimostrato e per il suo coraggio, esempio per tutti quei lavoratori che, loro malgrado, subiscono soprusi in silenzio.

 

Su alcuni aspetti però è doveroso puntualizzare. Unicoop Tirreno, nell’articolo del Corriere della Sera, afferma che «Quello della signora Bottoni è un caso singolo e come tale va trattato…». Il nostro Ufficio Vertenze ha affrontato altri “casi singoli” e i commenti apparsi sullo stesso Corriere rappresenterebbero ulteriori “casi singoli”. Quanti sono questi “casi singoli”? Come è possibile non accorgersi in tempo e porre correttivi dopo una lettera di un ufficio vertenze o legale?

 

Altro aspetto è quello delle stabilizzazioni. Unicoop Tirreno, sempre nell’articolo del Corriere della Sera, afferma che «Dall’inizio dell’anno stiamo trasformando in contratti a tempo indeterminato ben 80 contratti a tempo determinato…», ma non ci dice che molte lavoratrici sono state assunte con dei contratti a tempo indeterminato per soli 5 mesi l’anno, con una formula di “part-time verticale annuo” che prevede appunto che la riduzione oraria rispetto al normale contratto full-time non si applica orizzontalmente mese per mese ma si calcola invece su base annua: 5 mesi di lavoro full-time, 7 mesi a casa. Dopo la Via Crucis precaria di questi lavoratori, la maggior parte dei quali sono donne e madri, (diversi toccano gli 8-9 anni di contratti a termine a ripetizione), la meta raggiunta è una sorta di “stabilizzazione precaria” che produce un reddito insufficiente e l’impossibilità di pianificare il futuro.

 

Ultimo aspetto è quello relativo alle affermazioni del Presidente dell’Unicoop Tirreno, Marco Lami durante il contraddittorio televisivo con Francesco Iacovone dell’USB Lavoro Privato,  avvenuto nello studio della trasmissione de La7 “L’aria che tira” del 13 dicembre 2012 (vedi una sintesi nel video), durante il quale il Presidente Lami ha affermato di non aver mai ricevuto segnalazioni in merito a casi concreti relativi alle problematiche rappresentate dalle stesse lavoratrici Coop, Catia è solo uno dei tanti esempi che USB Lavoro Privato potrebbe evidenziare per smentire le affermazioni del Presidente.

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni